Castelli Torri e Dimore dei Nobili di Sicilia, origini, descrizioni, immagini, bibliografie e un efficiente motore di ricerca.  
Cerca per parola chiave
Voce Storie e Leggende
5 record(s) trovati..
La Baronessa di Carini Visto: 2199
Voti: 8   [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI CARINI (Carini - Palermo)

L'Amaro caso della Baronessa di Carini - La ballata popolare eseguita da Gigi Proietti è qui illustrata dal cartellone del "Cuntastorie" Giovanni Virgadavola.
La ballata è stata la sigla dello sceneggiato televisivo, in quattro puntate, "L'Amaro caso della Baronessa di Carini", andato in onda nel 1975 sulle reti RAI.

Video by VAGASILVIO


CASTELLO DI CARINI (Carini - Palermo)
L'Amaro caso della Baronessa di Carini - La ballata popolare eseguita dai Burgisi di Sciacca a modo dei Cantastorie.

Video by filippofalautanu

burgisi.it


"LA BARUNISSA DI CARINI"

Canto popolare di Anonimo del secolo XVII

I
Chianci Palermu, chianci Siracusa
Carini c'e' lu luttu ad ogni casa...
cu' la purtau sta nova dulurusa
mai paci possa aviri a la so' casa.....
aju la mente mia tantu cunfusa.....
lu core abbunna... lu sangu stravasa.
Vurria na canzunedda rispittusa....
chiancissi la culonna a la me' casa;
La megghiu stidda chi rideva in celu,
anima senza cappottu  e senza velu
La megghiu stidda di li Serafini....
povira Barunissa di Carini !.....

II
Ucchiuzzi beddi di vermi manciati
ca sutta terra vurvicati  siti.....
tutti amici cchiu' non vi truvati,
vui sulu lu me' amuri canusciti...
Pinsati a Diu e cchiu' nun la turbati !....
ca un journu comu idda vui sariti....
Limosina faciti e caritati
ca un jornu 'paradisu la truvati.

III
Ciumi, muntagni, arvuli chianciti....
suli cu luna cchiu' nun affaciati !
la bedda Barunissa chi pirditi,
vi li dava li raj 'nnamurati !
Acidduzzi di l'aria, chi vuliti ?
lu vostru amuri 'mmatula  circati !
Varcuzzi chi a sti prai lenti viniti,
li viliddi spincitili alluttati......
ed alluttati cu lilutti scuri,
ca morsi la Signura di l'amuri.

IV
Amuri, amuri, chiànciti la sditta!
ddu gran curuzzu cchiu' nun t'arrisetta....
dd'ucchiuzzi, dda vuccuzza biniditta,
o Diu !chi mancu lùmmira nni resta !
Ma c'e' lu sangu chi grida vinnitta,
russu a lu muru... e vinnitta nn'aspetta
E c'e' cu veni cu pedi di chiummu....
Chiddu chi sulu guverna lu munnu.....
E c'e' cu veni cu lentu camino
ti iunci sempri, arma di caiuno...!

V
Attornu a lu Casteddu di Carini,
ci passa spesso un beddu Cavaleri;
ci passa matinati e siritini,
l'ucchiuzzu a li finestri sempri teni......
giria come làpuzza 'ntra l'aprili,
n'torno a li ciuri pi cogghiri lu meli;
ed ora pi lu chianu vi cumpari,
supra d'un baju chi vola senz'ali.....
ora di notti cu lu minnulino,
sintiti la so vuci a lu jardinu.

VI
Lu gigghiu finu, chi l'uduri spanni,
ammugghiateddu a li sò stessi frunni,
voli cansari l'amurusi affanni......
e a tutti sti primuri nù rispunni;
ma dintra adduma di putenti ciamuni.
Va trasannata e tutta si confunni....
e sempri chi lu sensiu'u n'ha valuri,
ca tutti accussi' domina l'amuri.

VII
Stu ciuriddu nasciu cu l'autri ciuri....
spanpinava di marzu a pocu a pocu
aprili e maju nni godiu l'oduri.....
cu lu suli di giugnu pigghiau focu;
e di tutt'uri stu gran focu adduma.....
adduma di tuttùri e nun cunsuma.....
stu gran focu a dù cori duna vita....
li tira appressu comu calamita.

VIII
Chi vita duci, ca nuddu la vinci,
gudirila a lu culmu di la rota !
Lu suli di lu celu, passa e 'mpinci
li stiddi ci si mettinu pi rota !
'na catinedda li curuzzi strinci,
battinu tutti dui supra 'na mota,
e la filicitá chi li dipinci
attornu, attornu d'oru e di rosa;
ma l'oru fa invidia di centu,
la rosa e bedda e frisca pi un mumentu.

IX
Lu barumi di caccia avia turnatu....
-mi sentu stancu, vogghiu arripusari
quanno a la porta si ci ha prisintatu
un munacheddu e ci voli parrari;
tutta la notti 'nsemmula hannu statu....
la cunfidenza longa l'hannu a fari
Gesu' Maria ! chi ariu 'nfuscatu
chistu di la tempesta e' lu signali !
lu munacheddu nisceva e ridia,
e lu baruni susu sdillinia.


X
Di nuvuli la luna s'ammugghiau....
lu jacabu scantatu sbulazzau ;
afferra lu baruni spada ed elmu....
- vola cavaddu, fora di Palermu....
prestu, fidili, binchi' notte sia,
viniti a la me spadda 'ncumpagnia-

XI
'Ncarnatedda calava la chiaria
supra la schina d'Ustica a lu mari ;
la rininedda vola e ciuciulia
e s'ausa pi lu suli salutari ;
ma lu spriveri cci rumpi la via,
l'ugnidda si li voli pilliccari,
timida a lu so niru s''agnunia,
a mala pena ca si po' sarvari.

XII
Simili scantu, simili tirruri
appi la barunissa di Carini.
Era affacciata 'nta lu so balcuni
chi si pigghiava li spassi e piaciri....
- Viu viniri la cavalleria.....
chistu e' me' patri chi vini pi mia....
Viu viniri 'na cavallarizza,
forsi e' me' patri chi mi veni ammazza
- Signuri patri chi vinisti a fari ?...
- Signura figghia, vi vegnu ammazari.-

XIII
- Signuri patri, accurdatimi un pocu,
quanto mi chiamu lu me confissuri ! -
Avi tant'anni chi la pigghi a jocu,
ed ora vai cercannu cunfissuri ?
chista'un e' ura di cunfissioni.
E mancu di riciviri Signuri ! -
e comu dici sti amari parole,
tira la spada e cássaci lu cori.
Lu primu colpu la donna cariu...
l'appressu colpu la donna muriu.

XIV
Oh chi scunfortu pi dd'arma 'nfilici
quannu 'un si vitti di nuddu ajutari !
Era abbattuta e circava l'amici....
di sala in sala si vulia salvari...
gridava forti: aiutu carinisi...
aiutu, aiutu... mi voli ammazzari !...
dissi arraggiata: cani carinisi !
I'ultima vuci chi putissi dari...
I'ultima vuci e l'ultimu duluri...
ca persi gia' lu sangu e lu culuri.

XV
Curriti tutti, genti di Carini,
ora che morta la vostra Signura :
mortu lu gigghiu chi ciuria a Carini...
'nnavi curpanza un cani tradituri !
curriti tutti, monaci e parrini,
purtativilla 'nsemi in sepoltura...
curriti tutti, paisaneddi boni,
purtativilla in gran processioni

XVI
La nova allura a lu palazzu ju...
la nunna cadiu 'nterra e strangusciau :
ii so suruzzi capiddi 'un avianu,
la so matruzza di l'occhi annurvau...
Siccaru li garofali a li grasti,
e sulu c'arristaru li finestri.
Lu gaddu chi cantava 'un canto' chiui
va sbattennu l'aluzzi e sinni fui.

XVII
A dui , a tri s'arrotano li genti,
fannu concùminu cu pettu tremanti :
pi la citati un lapuni si senti,
'mmistatu di ruccoli e dichianti :
-chi mala morti!chi morti dulenti !-
Luntana di la matri e di l'amanti :
la vurvicaru di notti e le scuru....
lu beccamortu si scantava pur.

XVIII
iu nun ti potti di ciuri parrari
iu nun la vitti cchiu' la to fazzouni :
mi nesci l'arma nun pozzu ciatari
supra la to balata addinucchiuni.
Poviru 'ngegno miu, mettiti l'ali,
dispincimi stu niuru duluri :
pi li me l'armi scriviri e nutari
vurria la menti di re Salumuni....
La me' varcuzza forsa 'menzu la timpesta!.
 



Castello di Motta - La leggenda di Jana di Motta Visto: 2054
Voti: 3.5   [Vota] [Riferisci errore]

Nel 1409 Bianca di Navarra divenne Vicaria del regno, e il Conte di Modica Bernardo Cabrera avrebbe voluto sposarla per aumentare il suo potere. La regina Bianca non volle sposarlo ed il conte la inseguì per tutto il regno. La regina chiese aiuto al suo ammiraglio Sancio Ruiz de Livori che catturò Giustiziere facendolo rinchiudere nel Castello di Motta.
Una congiura era in atto contro il Conte: Jana, una fedele e astuta damigella della regina Bianca, d’accordo con l’ammiraglio Sancio e della regina, si travestì da paggio e si fece assumere dal conte convincendolo a tentare un’evasione per cercare di sposare la regina Bianca.
Il conte abboccò e una notte, fattolo travestire da contadino, Jana lo fece calare da una finestra del castello con una corda; ma ad un certo punto, Jana mollò la corda,e il conte cadde dentro una grossa rete preparata precedentemente dove rimase tutta la notte; al mattino Jana, rivelatasi,lo fece imprigionare nel Castello Ursino di Catania.

Castello della Zisa Visto: 2080
Voti: 1   [Vota] [Riferisci errore]

A Palermo c’è il Castello della Zisa. Questo Castello fu costruito al tempo degli arabi e custodiva i tesori dell’imperatore. Qui c’è un incantesimo per tutelare un tesoro nascosto costituito da monete d’oro. Tale incantesimo è stato fatto dai Diavoli che non vogliono che il tesoro sia preso dai Cristiani. All’entrata della Zisa ci sono dipinti dei diavoli: chi li guarda nel giorno della festa dell’Annunziata (25 di marzo) vede che essi si muovono e non si finisce di contarli. Non si conosce neanche l’esatta quantità delle monete e nessuno è mai riuscito a prenderle.

Castello di Maniace - La pantofola della regina Elisabetta Visto: 2026
Voti: 1   [Vota] [Riferisci errore]

Quando nel 1603 i diavoli gettarono la regina dentro il cratere dell’Etna sulla rupe "Rocca Calanna" cadde una pantofola della regina Elisabetta.
Molto tempo dopo, un pastorello ritrova tale pantofola, la volle toccare, ma si bruciò.
Fu chiamato un frate esorcista e la pantofola volò su una torre del castello di Maniace, presso Bronte.
Nel 1799 il castello fu donato dai Borbone all’ammiraglio inglese Orazio Nelson, durante una festa da ballo a Palermo. In quell’occasione una dama misteriosa, si dice il fantasma della regina Elisabetta, donò a Nelson un cofanetto contenente la fatidica pantofola; e gli raccomandò di non farla mai vedere a nessuno.
Ma l’amante dell’ammiraglio, Emma Hamilton, riesce a trafugarla. La stessa notte l’ammiraglio vede in sogno la misteriosa dama che gli ricorda che ha perso tutta la sua nfortuna.
Pochi giorni dopo Nelson morì nella battaglia di Trafalgar, esattamente il 21 ottobre 1805.

I Casi di Sciacca Visto: 1261
Voti: 1   [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLI DI SCIACCA (Sciacca - Agrigento)
Il Caso di Sciacca - Ballata popolare eseguita dai Burgisi di Sciacca a modo dei Cantastorie sulle vicende che opposero i Perollo ai de Luna e che nel XV (1450) e XVI secolo (1529) misero in ginocchio la città agrigentina.

Video by filippofalautanu

burgisi.it





Vedi anche...
[no related categories]

Copyright ©2007-2008 CastellammareOnline, ASPapp.com